Aprile 2019

Di recente, i podcast hanno fatto registrare un’ondata di successo sia negli Stati Uniti che a livello internazionale. Perché è importante conoscere questa tendenza? Per farla breve, gli utenti che ascoltano i podcast sono “fedeli”, “istruiti” e “benestanti”: tre caratteristiche a cui qualsiasi brand di fascia alta dovrebbe prestare attenzione.

In un momento storico in cui tutti cercano di limitare il tempo trascorso davanti a uno schermo, i podcast non richiedono nessuno sforzo visivo e rappresentano una sorta di boccata d’aria. Sono uno strumento che ci consente di imparare mentre stiamo facendo qualcos’altro e sono i nostri migliori amici durante il tragitto casa-lavoro del mattino. Tutti questi fattori spiegano la recente rilevanza di questa tipologia di contenuti, che hanno attratto brand del calibro di Pepsi, Starbucks, Google, Microsoft, Tinder e tanti altri ancora. Verrebbe da chiedersi: anche il tuo brand dovrebbe lanciare un podcast?

1.     Il DNA del tuo brand

Il podcast deve riflette l’essenza e il DNA del tuo brand. Un esempio calzante è quello di In Your Dreams di Casper, non semplicemente un’azienda che produce materassi, ma anche un brand di lifestyle che evoca il concetto di sonno piacevole. Il podcast prende in esame i sogni delle persone, un modo creativo che risulta interessante, istruttivo e in linea con la personalità del brand.

2.     Tone of voice

I podcast indossano le vesti che scegli tu: quelle di un consulente smart e capace, un amico divertente o un intrattenitore con senso dell’umorismo. Il tone of voice determina il ruolo del tuo brand per i potenziali clienti.

3.    Un valore aggiunto per l’ascoltatore

Il podcast deve portare valore aggiunto nelle vite di chi lo ascolta, altrimenti non sarà un buon investimento di tempo. Nessuno vuole ascoltare un brand che si autocelebra sfacciatamente. Per apprendere, rilassarsi o intrattenere, deve sempre esserci una ragione che spinge l’ascoltatore a effettuare l’iscrizione al tuo podcast. Per esempio: Fortune Favors the Bold di MasterCard parla del futuro del denaro; Robinhood, l’app per operare sui mercati finanziari senza commissioni, ha lanciato Robinhood Snacks per diffondere notizie rapide e digeribili sul mondo della finanza; la società Blue Apron, che si occupa di consegna a domicilio di ingredienti per ricette, con il suoWhy We Eat What We Eat si propone di analizzare le forze nascoste che modellano le nostre abitudini alimentari. Un podcast incentrato sul tuo brand può contribuire a portare successo se i contenuti aggiungono valore e coinvolgono il pubblico di riferimento.

4.     Lunghezza

La risposta ideale è: “Un podcast deve durare tutto il tempo necessario, non un secondo di più”. La durata media di un podcast è di 43 minuti, ma ciò che dovremmo chiederci realmente è quanto tempo occorre per raccontare una storia interessante. La risposta sarà la durata ideale del pocast del tuo brand.

5.     Mercati internazionali

Il 50% delle famiglie negli Stati Uniti sono appassionate di podcast e il 51% della popolazione ha ascoltato un podcast nel 2018. Ma il trend non si ferma qui. Corea del Sud, Spagna, Svezia e Australia precedono nella classifica gli Stati Uniti: stando ai dati di un report Reuters, il 58% della popolazione sudcoreana ha ascoltato almeno un podcast nell’ultimo mese!



Domande sui podcast? Scriveteci! Non vediamo l’ora di scoprire l’evoluzione di questo trend e ascoltare i podcast dei vostri brand!