Marzo 2019

Molti sono stati gli sviluppi da quando la realtà virtuale e la realtà aumentata hanno iniziato a far parlare di sé, qualche anno fa. Le incertezze e la confusione su come sfruttare queste tecnologie non hanno di certo frenato le più fervide fantasie sulle possibilità di utilizzarle.

Quali potrebbero essere quindi i benefici per il vostro marchio? Per realtà virtuale (spesso abbreviata in VR, dall’inglese Virtual Reality), si intende l’uso della tecnologia per simulare un ambiente 3D che permette agli utenti di immergersi in un mondo virtuale. La realtà aumentata (AR, dall’inglese Augmented Reality) consente, invece, di espandere o arricchire il mondo reale attraverso l’uso di elementi digitali visualizzati tramite la fotocamera.

Facebook, Instagram, Tiktok e Snapchat offrono una gamma infinita di filtri e sticker AR che permettono ai marchi di creare un legame con i propri clienti. La realtà virtuale e la realtà aumentata sono ormai parti integranti della pianificazione delle strategie omnichannel avanzate di molti marchi. Scopriamo 6 modi in cui queste nuove tecnologie possono supportare la strategia del vostro marchio e come declinarle a livello internazionale:

1.     Interessare e divertire gli utenti

La realtà aumentata è un modo divertente e interattivo di coinvolgere gli utenti e consolidare la brand awareness. Un esempio perfetto è il filtro Gucci Beauty disponibile su Instagram, che consente agli utenti di applicare alla propria foto il filtro di uno dei tre ritratti barocchi o rinascimentali selezionati dal direttore creativo Alessandro Michele, che contengono dettagli tematici di Gucci, come orecchini o rossetti.

AR Gucci

2.    Raccogliere dati sui consumatori e condurre ricerche di mercato

Recentemente Kellogg’s ha collaborato con un’azienda di merchandising specializzata in realtà virtuale per verificare come la combinazione di tecnologia eye-tracking e VR può aiutare a identificare le migliori soluzioni per condurre ricerche di mercato e capire i comportamenti dei consumatori. Kellogg’s ha deciso di collocare uno dei suoi prodotti sugli scaffali più bassi, posizionamento risultato più efficace rispetto agli scaffali alti. Il risultato? Un incremento del 18% nelle vendite durante il test.

3.    Prova e acquista!

Per i marchi di bellezza, le funzionalità Try-on in realtà aumentata sono lo strumento per eccellenza per far divertire i propri clienti, ovunque e in ogni momento. La funzione “Visual Artist” di Sephora offre più di 2000 sfumature di ombretti e rossetti che gli utenti possono provare e aggiungere direttamente al proprio carrello in tutta semplicità.

AR Sephora

4.    Consolidare i programmi fedeltà

I tempi delle tessere plastificate sono ormai un lontano ricordo. Oggi il cliente mostra la sua fedeltà scaricando l’app sul proprio smartphone. Il grande magazzino Macy’s è riuscito a rafforzare la relazione con i suoi clienti grazie alle funzionalità Tryon in realtà aumentata disponibili sull’app. Due terzi del traffico online e metà delle vendite digitali provengono da dispositivi mobili, numeri che fanno degli utenti dell’app i clienti più fedeli del marchio.

AR Macy’s

5.    Semplificare la vita dei clienti

Perlustrare i negozi di arredamento alla ricerca del divano perfetto non è più necessario se è possibile utilizzare una fotocamera AR per vedere gli articoli desiderati direttamente nel proprio soggiorno. IKEA e Amazon stanno già ottenendo ottimi risultati grazie a queste funzionalità.

AR IKEA

6.    Storytelling del marchio  

Un’esperienza di realtà virtuale che lascia il segno è quella che trasporta in un mondo parallelo, in cui si ha sempre voglia di restare. Coty Inc. ha lanciato un’esperienza VR che consente agli utenti di scegliere e attivare immagini e suoni associati a profumi unici. Vista, olfatto, udito, gusto e tatto: oggi i cinque sensi possono essere integrati nello storytelling della realtà virtuale.

 

Per creare una campagna di successo, tutti questi elementi devono essere interpretati e adattati in base a culture locali e comportamenti dei consumatori. In Cina è meglio creare filtri AR su Douyin o su un’app indipendente? Come realizzare un’esperienza VR per i clienti in Medio Oriente? Se volete studiare come integrare la realtà virtuale e la realtà aumentata nella strategia del vostro marchio a livello internazionale, contattateci! Il nostro team Digital Consulting vi aiuterà a scoprire come offrire la migliore esperienza VR e AR in base alle specificità di ogni mercato locale.